COME STAI?

Voglio chiederti come stai?
Ma tu non lasciarla lì come una frase che verrà portata via dal vento.
Non fare finta di niente.
Rispondi.
Voglio sapere davvero come stai.

Sai che le parole hanno una frequenza.
Quello che viviamo proviene proprio da lì.
La nostra vita dipende da quel film che a ripetizione gira nella nostra testa.
Le parole sono la nostra forza e la nostra penitenza.
La scelta è nelle nostre decisioni.

Solo noi possiamo decidere di interrompere il flusso di parole che non ci piacciono.
Solo noi possiamo decidere di dedicare i nostri sensi a qualcosa che ci renderà felice.

Allora decidiamo adesso di dedicare il tempo solo ai pensieri costruttivi.
Dedichiamo a noi stessi e a tutto il mondo solo i pensieri d’amore e compassione.
È un impegno che si rinnoverà ogni giorno ma ci cambierà tutta la vita.
By Katica Sjaus

❤️❤️❤️
Cari lettori,
grazie a questo blog è nato un libro/e-book.

È una raccolta di RIFLESSIONI – Parole, pensieri e sogni di una donna.

È in vendita su Amazon e qui sotto c’è il link. Grazie di ❤️ per il vostro sostegno.

Con amore

Katica Sjaus

https://amzn.to/35v9R6F

COSPIRAZIONE vs CREAZIONE

In che direzione guardare? Cosa pensare?
Ci sono centinaia di notizie e altre centinaia che smentiscono tutto.
Ci sono schieramenti pro e contro ogni notizia, ricerca o pensiero.
Tutti hanno ragione e tutti hanno torto.

Mi giro da una parte e vedo complotti, paure, virus, morte, bare, vaccini, Bill Gates.
Guerra, asteroidi in arrivo, militari americani, posti di blocco (anche da una decina di volanti), 5G, ancora virus, numeri che informano quanti sono conteggiati, morti, guariti.
Aumentano loro, aumentano i debiti.
Vulcani in eruzione, terremoti, persone che si incolpano a vicenda, Conte che parla in diretta su facebook e promette aiuti per tutti.

Popolo affamato senza fiducia in un futuro, non sa come arrivare a domani.
Aziende chiuse, fallite prima della seconda modifica dell’autocertificazione.
Virus l’ho già nominato? Vabbè adesso ha il nome che sembra una stella, Covid 19.

Persone impaurite da un semplice controllo al posto di blocco.
Anche quando devono andare a fare la spesa.
Preferiscono morire di fame che uscire in strada.
Non vivono più, perché hanno paura.
E la paura ti toglie l’ossigeno, ti stringe la gola, blocca il cervello.
Ti prosciuga da dentro, fino all’anima.

Gente che crede di poter gridare dai balconi come delle scimmie in gabbia.
Sono incazzati con sé stessi e con il mondo. Si scaricano con il primo che passa.

Persone che non usano più le facoltà intellettuali.
Anche se per alcuni sinceramente dubito che l’abbiano mai usate.
Li guardo e mi sembra di ascoltare un telegiornale.
Ripetono sempre le stesse cose, da giorni, settimane, mesi.
Insomma, da questa parte niente di positivo.

Cambio il canale!
Guardo da l’altra parte e vedo l’immensità del cielo sopra la mia testa, il calore del Sole, il prato, i fiori, le farfalle, il profumo di primavera, uccellini che cantano, alberi vestiti con la nuova collezione di foglie che ballano al vento.

Finalmente abbiamo il tempo libero per leggere, scrivere, sognare, cucinare, ballare.
Insomma, tempo libero che abbiamo sempre desiderato.

Vedo il coraggio, la libertà.
Vedo le persone di cuore aiutare chi è in difficoltà.
Vedo la fiducia di superare questo momento e ripartire più forti di prima.
Vedo persone che si pongono delle domande.
Vedo gente serena, sorridente, pronta a rimettersi in gioco.
Anche se dovrà ripartire da zero.

Si dice “Finché c’è vita c’è speranza!” ma la speranza non ci farà mai raggiungere la nostra meta.
E allora tutti insieme scegliamo la vita che desideriamo.
Svegliamoci ogni giorno nella gratitudine.
Viviamo credendo in un mondo migliore.
Prendiamoci la responsabilità di crearlo.
Facciamo il primo passo in quella direzione. Quello più difficile.
E mettiamo in circolo l’amore dal profondo del nostro cuore.
Doniamolo insieme alla compassione a ogni essere vivente su questo pianeta.
Facciamo che diventi la nostra magia.

Se in questo momento ti sembra di non poter fare niente, preparati!
Adesso stai caricando le tue batterie.
E quando finirà questa quarantena, avrai tutto il necessario per vivere la vita che hai sempre sognato.
Katica Sjaus

❤️❤️❤️
Cari lettori,
grazie a questo blog è nato un libro/e-book.

È una raccolta di RIFLESSIONI – Parole, pensieri e sogni di una donna.

È in vendita su Amazon e qui sotto c’è il link. Grazie di ❤️ per il vostro sostegno.

Con amore

Katica Sjaus

https://amzn.to/35v9R6F

SONO IMMENSAMENTE GRATA

In questo periodo della mia vita
Mi sembra di essere più grata che mai

Ogni mattina ringrazio
Per la mia vita
Per tutto il coraggio che ho
Per tutte le persone che amo
Per tutte quelle volte che ho sognato
Per tutte quelle volte che anche se non credevo in me, ho avuto fede nei miei sogni

Mi sembra di essere arrivata finalmente a destinazione
Dopo aver viaggiato a lungo
Tra varie critiche di chi avevo intorno
E chi cercava di dissuadermi

Mi dicevano di scendere dalle nuvole
Di dover essere realista
Mi dicevano che “dovevo” fare tante cose
Mi mettevano davanti agli impegni senza anima e senza passione

A volte ci provavo
Ma mi sentivo appassire come un fiore
Ogni volta che mi sono adattata
Sentivo morire una parte di me

Qualche volta ho fatto finta
Cercando di provare a vivere la vita
Così come volevano gli altri
Ma ogni volta dentro di me c’era quella MUSICA
E il ritmo era diverso, allegro
LA VALIGIA nella quale portavo i sogni più belli
La MAGIA grazie alla quale credevo fortemente di avere ragione a continuare a sognare
E le, NUVOLE per farmi vivere in mezzo alla gente ma nel mio mondo ovattato, lontano dalle loro realtà

Ogni giorno ho le conferme che avevo ragione io
Sono grata di aver resistito continuando a sognare
Seguendo sempre il mio cuore!


❤️❤️❤️

DOVE HO MESSO I MIEI SOGNI?

Se ripenso alla mia vita
Vedo una scia di dolore
L’ho trascinato con me come
Un sacco nero e pesante

L’ho custodito per tanti anni
Perché li dentro c’erano i miei ricordi
In teoria era tutto quello che avevo salvato da casa mia
Almeno questo è quello che pensavo

Poi un giorno mi sono stancata
Mi sono fermata chiedendomi
Cosa cavolo ci sia in quella busta

Mi sono seduta in mezzo a un prato
Ho fatto un lungo sospiro
E ho preso il nodo che ormai era troppo stretto dal peso

Non riuscivo ad aprirlo
Così ho deciso di rompere la busta
Ho sgranato gli occhi perché
Quelle cose non mi appartenevano
Non più perché erano cose che dovevo lasciare
Nel mio passato

Cosa c’era dentro?
Tutte le ferite
Lacrime
Dolori
Bisogni di una bambina cresciuta sola

C’era solo quella roba lì
E dove erano le cose belle?
I ricordi…
… del mare?
… della montagna?
… di mamma, papà e nonno?
Dove ho messo i miei sogni?

Dove erano tutte le risate, carezze del sole, i canti del vento?

Erano tutti dentro il mio cuore
Si perché i ricordi belli sono per sempre con noi
Non li mettiamo in una valigia o in busta come i ricordi brutti che a distanza di tempo creano solo spazzatura

Il cuore è come uno scrigno piccolo ma può contenere la felicità di tutta una vita
Ed è l’unica cosa che porteremo in ogni viaggio che faremo

❤️

SONO NATA OGGI




Chi sei oggi?
Sei la stessa persona di ieri?
… o quella di qualche mese fà?
Sei la stessa persona di 5 o 10 anni fà?

Non credo proprio
Sei diverso
Sei andato a dormire e ti sei svegliato nuovo
Questa mattina hai ricominciato tutto da capo
Ogni mattina ricomincia tutto dall’inizio
Ogni mattina rinasci

Quindi?
Sei diverso anche oggi
Non puoi essere la stessa persona che eri ieri
Hai avuto esperienze nuove, quelle ti arricchiscono, ti cambiano

Hai mai visto un piccolo torrente che cambia il viso alla pietra?
L’accarezza dolcemente e goccia dopo goccia la pietra non sarà mai più la stessa

Ogni evento, ogni ostacolo, ogni sorriso nuovo viene stampato sul libro della tua vita
E ti cambia
Oggi sei diverso da quello che eri ieri
Domani sarai diverso da quello che sei oggi

Non ti aggrappare all’idea di essere quella persona di ieri
Non essere così rigido
Tu sei come il fiume che scorre
Sei libero di scegliere dove andare e chi vuoi essere

Ogni giorno dipende da te
Non ostacolare la tua crescita
Lascia lo spazio per aprire le tue ali
Sii pronto a volare ogni giorno sempre più in alto

Sì, tornerai di nuovo a terra
Recupererai le tue forze
Farai ricrescere le tue piume
E poi spiccherai il volo

Verso il cielo, verso il mare
Sentirai la libertà scorrere nelle tue vene
Mentre i raggi dorati illumineranno la tua strada
Verso l’infinito

MIA MAMMA ERA CORAGGIOSA


(❤️ Sono immensamente grata di essere proprio io la sua figlia e lei la mia mamma ❤️)

La mia mamma era una donna decisa
Si rifiutava di fare cose che a lei non andava di fare
Diceva che non aveva la forza
Poi però quando qualcosa accendeva la passione nel suo cuore, scattava!
Il suo coraggio arrivava alle stelle

Solo Dio sa quanto era coraggiosa mia mamma
Così tanto coraggiosa
che ha provato di tutto nella sua breve vita

La separazione dalle sue bambine piccole
Allontamento forzato dalla sua casa
Tante brevi e lunghe permanenze in vari ospedali psichiatrici
Cure con elettroshock
Prescrizioni di medicinali a caso
Ogni medico provava, testava
Tanto è facile scrivere le ricette
Mica le dovevano prendere loro

La mia mamma invece vedeva la felicità in quelle cose che nessuno di quei psichiatri avrà mai visto
La sua gioia più grande poteva essere anche semplicemente bere un caffè al bar
Anzi il caffè macchiato

Le piaceva quando la invitavo a pranzo o a cena fuori
Andava al ristorante e ogni volta già sapeva in anticipo cosa avrebbe scelto
Aveva uno strano rapporto con il cibo
Qualcosa tipo amore e odio nello stesso tempo
Amava mangiare ma lamentava sempre un desiderio non esaudito

La mia mamma amava ascoltare la musica
Amava scrivere

Amava vivere

Ma veniva considerata pazza

Lei invece era una donna semplice
Le piaceva passeggiare, salutare le persone con il sorriso e scambiare due parole con chiunque

Ovunque andava, si vantava delle sue due bellissime figlie
La gente ci conosceva senza averci mai visto
Perché lei era fiera di noi
Eravamo la cosa più bella che è riuscita a creare nella sua vita

La mia mamma amava la libertà
Non le piaceva quando la obbligavano a fare qualche cosa
Lei però non aveva il diritto di alzare la voce, di difendersi perchè sapete com’è?
Quando ti considerano pazzo qualsiasi cosa farai la agente ti giudicherà

Quella stessa gente però ti farà la festa quando il tuo corpo ormai freddo sarà vuoto, senza anima
Allora piangeranno al tuo funerale

La mia mamma aveva bisogno di calore
Aveva bisogno di persone con il cuore grande
Ricorderò per sempre la sua felicità quando telefonavo e lei con il sorriso diceva quanta forza le ho dato
Oppure che ho rallegrato la sua giornata

Mia mamma ormai non c’è più
Ma la lezione che mi ha insegnato vivrà per sempre
Non permettere al giudizio del mondo di spegnere la tua voglia di vivere
Sii sempre quello che senti di essere, anche se sei diverso da altri
Fai nella tua vita quello per cui batte il tuo cuore
Sempre
Sempre
Sempre

❤️❤️❤️

VORREI VIVERE…

Vorrei vivere in un posto dove gli sguardi della gente si incontrano per strada

Vorrei vivere in un posto dove la gente sorride anche quando ha problemi

Vorrei vivere in un posto dove si balla in strada

Vorrei vivere in un posto dove si ascolta il proprio cuore

Vorrei vivere in un posto dove gli adulti imparano la felicità dai bambini

Vorrei vivere in un posto dove quando ti chiedono “Come stai?” vogliono saperlo davvero

Vorrei vivere in un posto dove il mare bacia il cielo

Vorrei vivere in un posto dove mi svegliano le onde

Vorrei vivere in un posto pieno di altissimi alberi

Vorrei vivere ascoltando il canto della natura

Vorrei vivere in un posto dove si bevono i cocktail guardando il tramonto

Vorrei vivere in un posto dove sembra di sognare anche quando si è svegli

Vorrei vivere in un posto tenendo la mano della persona che amo

Vorrei vivere il ritmo del mio cuore

Vorrei vivere davvero!